Condizionatori d'aria e alberi per la CO2

Scritto da: -

carbon neutral.jpg

Mi segnalano dalla redazione di Blogosfere che un'azienda che fabbrica condizionatori d'aria (non ne cito il nome, ma potete trovare il link in fondo) propone a chi acquista uno dei suoi prodotti di compensare le emissioni domestiche di CO2 con un rimboschimento di una opportuna superficie di foresta.

E' un fatto positivo che le aziende inizino a rendersi conto dell' impatto ambientale dei nostri consumi e che si pongano come obbiettivo quello di neutralizzare le emissioni di CO2.

Questo però mi spinge a fare due considerazioni. 

  1. Come viene spiegato nel sito (link a fondo pagina), una persona in media produce 787 kg di CO2 all'anno, che possono essere compensati da 1026 m² di foresta. Non è poco. Per compensare le emissioni del miliardo di persone del mondo ricco, occorrerebbe qualcosa come un milione di km² di foreste! (Le foresta del pianeta ricoprono un po' meno di 40 milioni di km²)
  2. Il più piccolo tra i condizionatori proposti nel sito ha la potenza di 2,4 kW. Avrà anche un ottimo COP , ma sono pur sempre 2,4 kW! Installare simili mostri energivori ha il duplice effetto di aumentare le nostre emissioni e di pesare maggiormente sul consumo di combustibili fossili (con cui si produce la maggior parte dell'elettricità).

Per cercare di ridurre l'impatto dei cambiamenti climatici dobbiamo ridurre le nostre emissioni di CO2; piantare alberi dovrebbe servire non solo ad azzerare le emissioni, ma anche a ridurle. Se moltiplichiamo i kWh consumati, rendiamo più problematica questa riduzione.

I condizionatori d'aria sono il perfetto esempio di una tecnologia insostenibile, non solo in termini ambientali, ma assai più banalmente per quanto è in grado di sopportare la rete elettrica. Ormai i consumi estivi sono comparabili a quelli invernali, anzi il record di potenza massima richiesta è stato raggiunto il 27 giugno 2006 con 55,6 GW (dati Terna ). Se quest'estate farà molto caldo come si dice, i black out dovrebbero diventare più la regola che l'eccezione… 

 

Ecco comunque il link.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!