Fedro: la crescita insostenibile della rana

Scritto da: -

La rana cerca di crescere oltre i suoi limiti naturali fino a scoppiare, lasciando la prole orfana. Probabilmente doveva avere studiato in qualche facoltà di economia...

ecoquote.jpg

Rana bue crescita insostenibile.jpg «La rana vide una volta il bue al pascolo e presa da invidia per tanta grandezza (tracta invidia tantae magnitudinis) gonfiò la pelle rugosa: allora chiese ai suoi nati se fosse più grossa del bue. Essi dissero di no. Tese di nuovo la pelle con sforzo maggiore e nello stesso modo domandò chi fosse più grande (quis maior esset).

Essi dissero: ancora il bue. Alla fine, indignata, mentre cercava di gonfiare ancora di più tutta se stessa (dum vult validius inflare sese), il suo corpo scoppiò e così giacque.»

Fedro aveva un’idea di sostenibilità assai più avanzata di molti economisti, compreso il nostro supertecnico Presidente del Consiglio.

Non solo gli organismi naturali, ma tutte le strutture complesse hanno limiti naturali intrinseci. Ignorarli significa andare prima o poi incontro al collasso. A sua volta, il bue non può pretendere di crescre come un elefante, e un elefante non può diventare più grande di un elefante, come sembra abbia detto Bertold Brecht.

Link utili

Monti e la bufala del PIL a + 10%

Il mantra della crescita, ma il limte è nel 2012

Fiabe ecologiche

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Ecoalfabeta.blogosfere.it fa parte del canale Blogo Sport di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano