Il prezzo del gasolio pesa sempre di più sul costo del trasporto

Scritto da: -

Nel 1990 il prezzo del gasolio pesava il 20% sul costo dell'autotrasporto. Oggi è la prima voce di costo e pesa il 33%. Il peak oil lo fara pesare sempre di più. E c'è qualcuno che crede ancora nel futuro della logistica?

Incidenza del gasolio sul costo dell'autotrasporto.jpg

Ieri ho mostrato l’andamento del prezzo del gasolio negli ultimi vent’anni. Oggi vediamo quali conseguenze ha sui costi del trasporto su gomma. Come si vede dal grafico in alto (elaborazione su dati Confetra), l’incidenza del carburante è cresciuta dal 20% degli anni ‘90 a oltre il 33% di oggi. Cosa ci riserverà il futuro?

Il peak oil porterà inesorabilmente ad un aumento dei prezzi del greggio. Indicativamente, ogni 10 centesimi di aumento del prezzo del gasolio fanno aumentare l’incidenza dei costi dell’1% (dato facilmente ottenibile con una regressione ventennale dele quote in funzione del costo), Se il gasolio dovesse quindi ad esempio arrivare a 2,5 €/l, verrebbe a incidere sul costo del trasporto per oltre il 40%.

Poichè anche la voce tasse (assicurazioni e tariffe autostradali) non potrà che aumentare, per essere competitivi, gli autotrasportatori dovranno tagliare ulteriormente sui costi del personale (riduzione salari e turni massacranti) e sulla manutenzione dei mezzi, rendendo il trasporto sempre più insicuro e pericoloso.

Di fronte a questi dati io non credo che la logistica su lunghe distanza abbia futuro. E’ inutile costruire capannoni devastando il territorio per stoccare merci di lunga percorrenza che costerrano sempre più care e che sarà sempre più difficile vendere ad una società impoverita.

L’unica alternativa sostenibile (oltre al passaggio del trasporto su ferrovia a bassa velocità) è la filiera corta. Ovviamente i grossi TIR non sono ottimizzati per questo tipo di trasporto, che prevede volumi più piccoli e più flessibilità, ma poichè il parco autoveicoli è quello che, è sarà necessario adattarsi. Usando l’informatica e il web, dovrebbe essere possibile ottimizzare i carichi degli autocarri anche su piccole distanze per consegne multiple.

Link utili

Sciopero autotrasportatori: l’insostenibile filiera lunga

Sciopero autotrasportatori: ecco i danni

Il filocarro della Valtellina

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!