Amazzonia: 70% di deforestazione causato dalla carne, è anche colpa nostra

Scritto da: -

Il 18% della foresta amazzonica brasiliana (747000 km²) è stato distrutto negli ultimi 40 anni. Il 70% dell'area è occupata da pascolo per bovini che vengono esportati soprattutto nei paesi ricchi

Importazione carni bovine dal Brasile.jpg

In Brasile tra il 1970 e il 2011 sono scomparsi 747000 km² di foresta amazzonica, pari a oltre il 18%. Il 70% del territorio deforestato è stato occupato da pascoli bovini, moltiplicando per 5 la produzione brasiliana di carne (da 1,8 a 9 milioni di t).

I 3/4 di questa carne vengono consumati localmente dalla quota più ricca della popolazione (1), ma 1/4 viene esportato.

Anche l’Italia fa la sua parte nella deforestazione: come si può vedere nel grafico in alto, tra il 1997 e il 2007, prima della crisi, le importazioni sono passate da 10000 a 50000 tonnellate. Sono poi crollate nel 2008, per assestarsi oggi sulle 20000 t.

Tenendo conto che in Amazzonia ci sono in media 80 capi per km² di pascolo (2) e assumendo una resa di 230 kg per capo (dati FAOSTAT), ogni aumento di importazione di 1000 t equivale al taglio di circa 53 km² di foresta. Prima della crisi, il nostro contributo diretto (3) alla deforestazione era quindi pari a 2700 km² in meno di foresta.

Se gli alberi dell’amazzonia potessero parlare, direbbero probabilmente: meno male che è arrivata la crisi

(1) Contrariamente a quanto si potrebbe pensare il consumo medio pro capite di carne Bovina in Brazile (FAOSTAT) è elevatissimo, ben 33 kg/anno (in Italia è di 24 kg/anno), consumo in buona parte riservato alle classi più ricche, visto che il 40% più povero della popolazione genera poco più del 20% del reddito e il 20% dei brasiliani vive con meno di 2 $ al giorno

(2) Secondo Greenpeace, tra il 1996 e il 2006 l’area a pascolo è cresciuta di 320 mila km², su cui si sono installati 26 milioni di capi

(3) Esiste anche il notevole contributo indiretto dovuto alla coltivazione di soia, di cui parlerò in un altro post

Link utili

Amazzonia, dopo le foreste ci stiamo giocando i fiumi

Deforestazione in Amazzonia: il 17% è stato distrutto

Il WWF denuncia i costi ambientali delle materie prime

Vota l'articolo:
3.69 su 5.00 basato su 26 voti.